sei il visitatore N° 281454

Il basso che STEINBERGER lancio' nei primi anni '80 cambio' radicalmente le idee dei produttori su quale aspetto dovesse avere un basso e su come dovesse essere fabbricato.

Per NED STEINBERGER :CORPO MINUSCOLO e SENZA PALETTA, genericamente costruito con GRAFITE o CARBONIO.
In realta' il corpo fu costruito mediate RESINA EPOSSIDICA FUSA e RINFORZATA con FIBRA di CARBONIO e VETRO, oppure in legno duro tipo obeche .
Su modelli come quelli della STATUS i filamenti in fibra di carbonio erano ben visibili.
Sembra che questo materiale sia 2 VOLTE piu' DENSO e 10 VOLTE piu' DURO del LEGNO e che sia piu' forte e leggero dell'acciaio.
Questo contribuirebbe a conferire allo strumento un TIMBRO LIMPIDO e BRILLANTE eliminando inoltre i punti di bassa intensita' sonora (le note morte) e ogni impurita del suono.
La PALETTA fu rimossa per bilanciare ed accordare meglio lo strumento e......cosi' le MECCANICHE furono ATTACCATE al CORPO (IL PONTE FU "BREVETTATO" personalmente, a proprio nome, da Steinberger)
L'idea del corpo ridotto non ebbe il successo aspettato, ma quella dell'uso di materiali sintetici del manico privo di paletta ha, ancora oggi, dei validi sostenitori.
Cosi' il nome di NED STEINBERGER e' diventato il secondo in ordine di importanza nella storia del basso........dopo quello di LEO FENDER!!!
Secondo Steinberger la parte piu' importante del basso era il MANICO e la PALETTA poteva solo provocare indesiderate variazioni timbriche.
Sosteneva, inoltre, che la solidita' dello strumento era chiave del suo SUSTAIN e della sua LIMPIDEZZA.......e fu cosi' che decise di usare, per il suo prototipo una resina epossidica rinforzata.
Alla fine degli anni '80 la STEINBERGER fu assorbita dalla GIBSON ma continuo' ad essere gestita come una societa' indipendente.
Un giorno sono finito su un sito di strumenti musicali americano che commercializza in esclusiva gli ormai pochi esemplari prodotti da Steinberger: musicyo.com.
Era disponibile il basso che da sempre mi affascina per forma e suono: l'aveva un amico carissimo (il bassista degli H2SO4 e glie lo avevo sempre un pò invidiato.
Così me lo sono comprato.
Bello. suono rock massiccio, così come me lo ricordavo. aggressivo e deciso.

Il ponte brevettato Steinberger è qualcosa di spettacolare, consente un accordatura fine e precisa.
Il design è molto accattivante e anche questa parte, come tutto lo strumento è estremamente curata.

La mancanza della paletta dona un fascino tutto suo e particolare a questo strumento. Il peso è decisamente ridotto, la "vestibilità" è ottima e la comodità nel portarselo in giro è qualcosa da provare.


















Copyright © 2017 Bilanciozero | All Rights Reserved