sei il visitatore N° 268108

Gato, abbraviazione di alligator è il nome dei sommergibili americani introdotti nei primi anni 40 e utilizzati fino agli anni 60. Erano davvero enormi e molto armati. Alcuni esemplari furono ceduti dalla marina degli stati uniti a quella italiana, con l’ingresso di quest’ultima nella NATO.
Il sommergibile rosa del film operazione sottoveste, film che ricordiamo tutti con Cary Grant e Tony Curtiss, è appunto un sottomarino di classe Gato.


Il modello deriva da un kit della Dumas (www.dumasproducts.com) di quelli vacuum formed, un po’ grezzo ma di discreta fattura.


Realizzare il modello come indicato nelle istruzioni l'avrebbe reso un modello ad immersione dinamica, ma visto lo spazio interno più che sufficiente ad ospitare tutto il necessario, ho scartato questa ipotesi rendendo il modello ad immersione statica grazie ad un palloncino ospitato all'interno dello scafo in una sezione totalmente priva di spigoli per evitare che si rompa, che viene riempito da una pompa ad ingranaggi comandata da un invertitore di polarità autocostruito collegato ad uno dei canali del telecomando.


Azionando così la pompa, il modello si immerge e riemerge senza che sia necessario il movimento.
E' stata una vera impresa bilanciarlo ma ne valeva la pena.








Per la chiusura dello scafo ho utilizzato una lamina di alluminio dello spessore di 1 mm tagliata a misura dopo aver allestito un secondo ponte inferiore.
4 barrette di alluminio poste perpendicolarmente alla lunghezza dello scafo consentono di tenere stagno lo scafo esercitando pressione sul "coperchio" di alluminio.
Per ottenere una buona pressione ho utilizzato dei parallelepipedi di gomma opportunamente tagliati a misura forzati nello spazio fra le barrette di alluminio e il coperchio.


Il ponte imferiore con il coperchio di alluminio e le barrette di tenuta in posizione. I tasselli di legno consentono di avvitare le viti di tenuta del ponte superiore.


Particolare delle barre di tenuta numerate, sotto ad esse i blocchettidi gomma assicurano la tenuta al modello esercitando pressione sul coperchio di alluminio.


Particolare degli alloggiamenti interni












Copyright © 2017 Bilanciozero | All Rights Reserved